La Diga del Gleno

La Diga deve il suo nome alla vicinanza del Monte Gleno, che con i suoi 2.882 m di altitudine rappresenta una delle principali cime delle Prealpi Orobiche.

Visitare la Diga è un’escursione unica e ricca di storia, che unisce la bellezza della natura della Val di Scalve al ricordo dell’immane tragedia della crollo della Diga del Gleno.

 

La Diga fu voluta per sfruttare appieno l’energia prodotta dall’acqua. I maggiori interessati furono i Viganò, proprietari di importanti cotonifici ed interessati a ottenere il massimo da questa nuova impresa.

Fu realizzata una diga ad archi multipli, all’epoca considerata una delle più moderne innovazioni ingegneristiche.

 

 

Il bacino, posto ad un’altitudine di 1.500 metri, alimentava una prima centrale 400 metri più a valle e questa a sua volta consentiva il funzionamento di una seconda centrale. Nei mesi precedenti il crollo vennero ripetutamente segnalate perdite d’acqua alla base e nella muratura in calce dello sbarramento.

 

Alle ore 7:15 del 1° dicembre 1923, la Diga del Gleno crollò. Sei milioni di metri cubi di acqua invasero la valle sottostante, colpendo per primo l’abitato di Bueggio – travolgendone la Chiesa – per poi proseguire e distruggere buona parte del paese di Dezzo. L’acqua raggiunse in seguito Angolo e Darfo, in Valle Camonica, per finire la sua corsa nel Lago di Iseo.
Si stima che nel disastro del Gleno persero la vita circa 500 persone.

Come raggiungere la Diga del Gleno

A piedi

Per via della sua relativa facilità, l’itinerario normalmente più frequentato per raggiungere i ruderi della Diga del Gleno è il sentiero CAI 411, che prende il via dalla frazione Pianezza.
Normalmente è possibile raggiungere Pianezza in automobile e utilizzare il parcheggio disponibile nei pressi della chiesa.
In alternativa, si può partire a piedi dal centro di Vilminore di Scalve e raggiungere Pianezza seguendo il Sentiero delle Cappellette.
Tuttavia, durante la stagione estiva (fra maggio-settembre) è attivo il servizio navetta che collega il centro di Vilminore di Scalve con la frazione; contestualmente all’attivazione del servizio, la strada comunale che collega il paese con la frazione è chiusa al traffico veicolare.

Esistono anche degli itinerari alternativi, che pur prendendo il via da diversi luoghi, si congiungono nel tratto finale nel sentiero CAI 410, che sale sul lato opposto della Valle del Gleno.

 

  1. Da Nona
  2. Dalla Località Roccolo
  3. Da Bueggio
  4. Dalla Località San Carlo

 

Prima di programmare un’escursione per la Diga da autunno inoltrato (ottobre) fino a tarda primavera (maggio-aprile), è consigliabile contattare preventivamente l’Ufficio ARS telefonando  al numero 0346.51605 o scrivendoci un’email info@valdiscalve.it

In bicicletta

I sentieri per la Diga del Gleno non sono propriamente percorsi ciclabili, ma è possibile raggiungere i ruderi partendo da Pianezza e portando la bicicletta a spalla in qualche tratto.
In alternativa, vi proponiamo questo itinerario molto panoramico che sale da un lato della Valle del Gleno per scendere dall’altro.

Come raggiungerci

Scopri anche


Spazio Espositivo Gleno

Nel centro del paese di Vilminore di Scalve, uno spazio che racconta la costruzione, la tragedia e i...

Vilminore di Scalve

Bus Navetta Vilminore – Pianezza

Per la stagione estiva 2020 ritorna il servizio di bus navetta per gli escursionisti che vogliono ra...