Sentiero del Lazaret – Il sentiero Verde

Indicazioni del percorso ad anello che dall’abitato di Colere porta al Lazaret passando per Pian di Vione.

I sentieri colorati sono il risultato di un progetto di recupero di sentieri abbandonati nel comune di Colere curato dal gruppo alpini. Molti percorsi secondari che non rientrano o solo parzialmente nella classificazione del  C.A.I. sono stati recuperati, valorizzati e classificati con diversi colori. Tradizionalmente venivano utilizzati per la raccolta di funghi, legna, strame e piccole bacche; oggi rappresentano un patrimonio tradizionale che mantiene viva la memoria storica di una comunita’.


Percorso:

Il sentiero del Lazaret o sentiero Verde parte dal centro di Colere, più precisamente da via Larga, dove parte anche il sentiero Azzurro e il sentiero C:A.I 401 che porta al Rifugio Albani. Il primo tratto per che conduce in Pian di Vione è infatti lo stesso.

A questo punto invece di seguire le indicazioni per il Rifugio, svoltate a sinistra per imboccare una stradina sterrata che si snoda in un bosco di faggi e abeti.

Giunti a località “Fontane” dove troverete una sorgente d’acqua, abbandonate la stradina e sulla destra imboccate un sentiero vero e proprio che sale fino ai 1400 m di altitudine del “Lazaret” dove troverete una piccola pozza.

Da qui inizia la discesa verso località “Doss”, dove è stato creato uno spettacolare belvedere da dove poter ammirare i resti della Diga del Gleno e la Val di Scalve in tutto il suo splendore.

La discesa continua lungo il crinale della Costa Quarantina per raggiungere di nuovo la pineta attrezzata di Pian di Vione dove potrete godervi il meritato riposo prima di scendere verso l’abitato di Colere.