Pescare in via Mala

Un meraviglioso canyon dove è consigliata la pesca al tocco o a spinning ma è possibile divertirsi anche praticando la pesca a mosca

In tutta la Val di Scalve si esercita la pesca libera con normale licenza di pesca tipo “b”.
Si pesca principalmente trote fario, ma si possono trovare anche delle iridee, marmorate e dei salmerini alpini e di fonte ( soprattutto alla diga del Gleno ).


Le misure consentite per la trota fario in base alla nuova normativa è di 25 cm e un numero massimo di 4 pesci giornalieri.

Ricordiamo inoltre, oltre al limite giornaliero di 4 capi di salmonidi, il limite massimo giornaliero tassativo di:

  • 1 capo di trota Marmorata e i suoi ibridi ( misura minima 40 cm)
  • 1 capo di trota lacustre (misura minima di 40 cm )
  • Divieto assoluto di trattenere il Temolo
  • Divieto di pesca con pesce vivo.

La pesca apre la prima domenica di febbraio fino alla prima domenica di Ottobre.


Pescare in via Mala

salendo dalla bassa Valle Camonica si trova il tratto Via Mala;
lungo la strada si trovano diverse zone per sostare.

Il parcheggio principale e l’accesso al fiume più comodo è situato presso la ex casa cantoniera Canyon di Scalve che offre possibilità di ristoro con prodotti tipici della Val di Scalve.

La pesca in questa zona è di difficoltà media se si scende verso Angolo e medio/difficile salendo per la via Mala verso Dezzo, soprattutto per delle zone molto difficili da attraversare.

Se non si possiede l’equipaggiamento adatto, attraversare il fiume diventa difficoltoso per via dell’altezza e della forza dell’acqua.

In alcuni periodi  risulta quasi impossibile la risalita del fiume per via delle forti correnti. Non da meno il pericolo di caduta massi è sempre attivo, trovandosi appunto sul fondo di un meraviglioso Canyon.


Pesca sportiva – il fiume Dezzo


In tutta questa zona è consigliata la pesca al tocco o a spinning ma è possibile divertirsi anche praticando la pesca a mosca.

Uno dei punti più interessanti, lambisce la fine del tratto della via Mala con la meravigliosa cascata del “Seculì”, un tuffo d’acqua di oltre 50 metri.

Per risalire la cascata, la si deve aggirare seguendo il sentiero indicato che risale dal  bosco.


A monte della cascata si trova la zona di pesca al Dezzo.

Scopri le altre zone:

Campo gara di pesca 

La pesca nel fondo della valle di Scalve

La pesca nella valle del Vò

Affluenti in cui poter pescare

I Laghetti alpini

Zona vietata alla pesca