Pescare nei laghetti di alta montagna in Val di Scalve

Affascinanti laghetti immersi in un panorama suggestivo e unico

REGOLAMENTO DI PESCA

Limpidi specchi d’acqua a un passo dal cielo


La diga del Gleno – raggiungibile in circa 1 ora dal sentiero CAI 411
Posto a 1505 metri s.l.m., dà vita al torrente Povo. Affascinante dal punto di vista paesaggistico, il laghetto è abitato da trote fario e salmerini alpini e di fonte.


Laghetti del Varro e di Cornalta – raggiungibili in circa 4 ore attraverso il sentiero CAI 412
Posti a 2230 metri s.l.m. nei due bellissimi laghetti si trovano trote fario e salmerini alpini e di fonte di cattura difficile.


Laghetto del Venerocolo – raggiungibile attraverso i sentierI CAI 416 oppure CAI 414, con un cammino di 4 ore circa in ciascuno dei due itinerari.
Posto tra la Val di Scalve e la Valtellina, a quota 2300 metri s.l.m. è un laghetto di difficile cattura, ma immerso in un paesaggio molto suggestivo. Vi si trovano trote fario e salmerini alpini e di fonte.


Scopri le altre zone:

Pescare in via Mala

Pesca al Dezzo

Campo gara di pesca 

La pesca nel fondo della Val di Scalve

La pesca nella valle del Vò

Zona vietata alla pesca

I laghetti di alta montagna