La pesca nella valle del Vò

Un corso d’acqua che risale alla meravigliosa cascata del Vò, pescabile sia a monte che a valle della stessa

In tutta la Val di Scalve si esercita la pesca libera con normale licenza di pesca tipo “b”.
Si pesca principalmente trote fario, ma si possono trovare anche delle iridee, marmorate e dei salmerini alpini e di fonte ( soprattutto alla diga del Gleno ).


Le misure consentite per la trota fario in base alla nuova normativa è di 25 cm e un numero massimo di 4 pesci giornalieri.

Ricordiamo inoltre, oltre al limite giornaliero di 4 capi di salmonidi, il limite massimo giornaliero tassativo di:

  • 1 capo di trota Marmorata e i suoi ibridi ( misura minima 40 cm)
  • 1 capo di trota lacustre (misura minima di 40 cm )
  • Divieto assoluto di trattenere il Temolo
  • Divieto di pesca con pesce vivo.

La pesca apre la prima domenica di febbraio fino alla prima domenica di Ottobre.


La pesca nella valle del Vò

La valle del Vò da il nome all’omonimo torrente che nasce e scende dagli alpeggi Venano e Venerocolo.
Famosa dal punto di vista naturalistico, regala un’escursione verso la cascata di circa 15 metri che squarcia il fitto bosco di prevalente abete rosso.

Sono presenti più spiazzi dove lasciare l’auto e raggiungere in pochi passi il fiume.

In questo torrente si può pescare sia nel tratto al di sopra sia in quello a valle della cascata. Per risalire il salto di acqua seguire il sentiero sulla sinistra che costeggia la cascata.

Per la parte bassa del fiume e risalendo verso la cascata, il campo è bello e di difficoltà facile. Si pratica solitamente pesca al tocco o a spinning e per chi osa anche pesca alla mosca.

La parte sopra alla cascata fa crescere il livello di pesca a medio con acqua scarsa che in alcuni punti risulta esauririta. Anche qui si pratica la pesca al tocco e per esperti anche spinning.


Scopri le altre zone:

Pescare in via Mala

Pesca al Dezzo

Campo gara di pesca 

La pesca nel fondo della Val di Scalve

Affluenti in cui poter pescare

Pescare nei laghetti di alta montagna

Zona vietata alla pesca